Logo AVGV  
Intestazione AVGV
 
 
-

 

Krishna bhajansMusica e bhajan

Yoga dell'amore e devozioneMailing list

lezioni vita orientaleLezioni

I video degli eventi vedantaVideo

vrindavana, parikrama, radha krsna, india, diwaliFestival ed eventi

ashram, templi, luoghi sacri, luoghi antichi dell'India, parikramaPellegrinaggi spirituali

Krsna, Radhika, Vrindavan, Sri Caitanya, radha, india, Krishna, radharani, dipinti radha e Arte Vedica

calendario vaisnava, ekadasi, janmastamiCalendario Vaisnava

veda italiano pdf gratis, cultura vedica, testi veda, testi veda in italiano, libri veda gratisBiblioteca libri Veda

cucina vedica, cucina orientale, cucina vegetarianaCucina Vedica

Articoli devozionali

Strumenti musicali

gopi dress, kurta, scialli coi mantraAbiti per lo yoga

Incensi e Ayurveda

rivista vedica, cultura vedica, cultura vaishnavaRivista

Galleria fotografica

 



Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai informato in e-mail di tutte le novità della associazione e del sito
 
 
 

Tre gioielli

veda gratis in italiano, libri veda da scaricare gratis, libri cultura vedica, testi vedici gratuiti

La Forma condensata della Compassione

Di Sripad Premananda Prabhu 

Vande ham Sri Guru varam Sri Rupanuga pravaram vraja-rasa rasika; ca krpa-murti narayanam

 

Offro le mie preghiere a quella grande personalità Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja, che è la vera forma della compassione. Egli è migliore tra i seguaci di Sri Rupa Gosvami ed è il più esperto nell’assaporare il Vraja-rasa. Perché il giorno dell’apparizione di Sri guru si chiama Vyasa-puja Il significato di Puja è ‘compiacere l'oggetto della nostra adorazione’. Vyasa-puja significa soddisfare il mano'bhista, il desiderio più profondo del cuore di Vyasadeva. Offrire delle cose materiali a Sri Guru non è il vero Vyasa-Puja. I cari associati di Vyasadeva vengono in questo mondo per compiere la sua missione. Bhagavan è nei cuori di tutte le anime, ma tutti hanno dimenticato Bhagavan e sono assorti nella gratificazione dei sensi. I puri devoti giungono per far ricordare alle entità viventi la loro relazione con Bhagavan e coinvolgerli nel servirLo. Allora, chi ha una maggiore potenza, gurudeva o Bhagavan Anche se Bhagavan è presente nel cuore di tutti, non può cambiare il cuore di una sola jiva.

L’Acarya lega tutte jive a Isvara con la corda dell'amore, e questo legame non può essere spezzato. Tutti vogliono egoisticamente che Dio soddisfi i nostri desideri, ma se andiamo dall’acharya e gli offriamo qualsiasi cosa, la prenderà e la offrirà al servizio di Dio. In realtà, egli offrirà il nostro stesso essere al servizio di Dio. Quanto grande è il guru ! Egli ha la capacità e la qualifica per fare ciò che Bhagavan stesso non potrebbe fare. La guru-varga viaggia in ogni angolo del mondo, e collega il cuore di tutti a Dio e distribuisce il rasa facendo perdere il gusto per la materia. Così, offrono se stessi al servizio di Dio. Chi è in grado di realizzare queste cose In questo modo, dovremmo renderci conto la commemorazione del giorno dell’apparizione e della scomparsa del sad-guru è in realtà la commemorazione di Vyasadeva e di Bhagavan. Adorare il sad-guru in questi giorni è la più grande opera di bene per il mondo intero.

La nascita reale dell'Anima 

Ricordo come Srila Gurudeva era solito spiegare il versetto, "janmady asya yato 'nvaya itaratas carthesv abhijnah svarat ..." (Bhagavatam 1.1.1). Le jive sono la vibinnams-tattva di Bhagavan, o l'elemento esistenziale note come sue parti separate'. Con quale processo possono essere riporati ad Atma-cetana, la coscienza del loro vero sé Mahaprabhu ha stabilito la risposta a questa domanda. Egli ha spiegato, "Fino a quando una persona non riceve la pioggia divina del Vraja-rasa, l’anima non raggiungerà questa janma adi asya - vale a dire, l'anima non ritornerà in vita e non realizzerà la vera conoscenza. Non raggiungerà svarupa-siddhi (la perfezione della propria posizione costituzionale).’’ Come facciamo a sapere che cos’è il Vraja-rasa Al fine di manifestare questo rasa all'intero mondo, Bhagavan discese personalmente ed eseguì la rasa-lila. Il desiderio più profondo di Mahaprabhu era quello di manifestare la specialità della rasa-lila. Egli è venuto per gustare questo rasa. Con quale processo si può raggiungere tale rasa supremamente elevato Al fine di conferire questo tesoro del rasa alle jive, i grandi acarya della Sampradaya Gaudiya a volte lo nascondono, o lo rivelano ad alcune persone, ma non lo danno liberamente. "Attendete qualche vite finché non siete maturati adeguatamente." Perché Nel Bhagavatam (10.33.30) è stato detto, "naitat samacarej Jatu ... - non imitare il comportamento dei grandi maestri. Shiva è in grado di digerire il veleno, ma se noi beviamo il veleno moriremo." A causa della paura di tali ingiunzioni delle scritture, nessuno si fece avanti per distribuire liberamente questo rasa. Tutti avevano paura. Ma Srila Gurudeva ha detto, "Se c'è desiderio, perché dovremmo nascondere queste cose a causa della paura di qualcosa" A parte il Vraja-rasa, nessun altro processo può far fiorire l'anima o far raggiungere la coscienza spirituale. Perciò Srila Gurudeva spiega nell'introduzione al Rasa-pancadhyaya, che se qualcuno ha Sraddha - fede e amore – si può avvicinare e ascoltare. L'udito è il nostro paramadharma (più alto obbligo). Con l’ascolto, questo rasa entrerà nei nostri cuori. Esso darà la forza all'anima di fiorire nella sua vera coscienza. "Vikriditam Vraja-vadhubhira." Ascoltando i lila che Bhagavan ha compiuto con le ragazze di Vraja e ascoltando il processo attraverso il quale ha stabilito questo rasa nei loro cuori, di come le ha soddisfatte e, dando alle gopo il Seva le li ha rese uno con Lui (Krishna le ha accettate come il suo vero se’) è l'unico modo per raggiungere questo obiettivo - con qualsiasi altro metodo o con l’ascolto di qualsiasi altro rasa sarà impossibile. Questo madhura-rasa è il rasa più eccelso.

Se qualcuno è fisso e immerso in questo rasa, si può andare da lui e ascoltare da lui. "Atha nusanuyad sraddhanvito 'varnayed Yah". Se ha Sraddha e amore, ed egli descrive questo rasa, potete andare da lui e ascoltare, senza nutrire dubbi. Oltre a ricevere questo rasa attraverso l'ascolto, il benessere spirituale della jiva non è mai stato ottenibile con qualsiasi altro mezzo in passato, e non lo sarà mai in futuro. Allora perché l'acharya-Varga non vuole darlo E' a causa del timore espresso dalla dichiarazione degli sastra che se non si è come Rudradeva, bere il veleno ci distruggerà. Ma per noi che non abbiamo paura della morte, che sappiamo che l'anima non diventa mai vecchia e non muore mai e che il corpo è destinato alla morte - moriremo solo bevendo questo veleno! Ho sentito questa dichiarazione direttamente da Gurudeva innumerevoli volte. Egli disse: "Se devi morire, poi morire bevendo il veleno del rasa! Noi conosciamo ed eseguiamo il Kirtana solo di questa rasa-lila! Ma non prenderemo alcun veleno mondano. Tutti stanno morendo per il veleno materiale; anche noi dovremo morire!" Ma bevendo questo rasa, non moriremo. Cosa accadrà "Bhaktim param bhagavati pratilabhya kamam." Raggiungeremo l'amore e la para-bhakti delle Vraja-devi in Madhura-rasa, e la malattia di cuore chiamata lussuria verrà automaticamente distrutta. La corrente delle concezioni delle Vraja-devi - cioè, la loro Vicara-dhara - è ananya (attaccamento esclusivo a Krishna) e ekantika (esclusiva devozione a un’unica persona). Nessun altro è ananya! Sforzarsi di portare tutti al riparo dei piedi di loto delle Vraja-devi è il nostro Rupanuga vicaradhara. Questa è la concezione di Mahaprabhu. Dovete comprendere la specialità degli acarya. Questo madhura-rasa è adirasa, l'origine e l’apice di tutti i rasa. Distribuirlo significa adempiere al desiderio del cuore di Vyasadeva. Perciò Sri Guru si chiama Vyasa, perchè distribuisce questo rasa, dando così alle jive la qualifica di entrare a Vraja. Quindi, Srila Gurudeva ha veramente svolto la funzione di Vyasadeva.

Dopo Sri Gaura Purnima nel 1996, a Calcutta, il mio Guru Maharaj (Srila Vamana Maharaja) è venuto da Srila Gurudeva accompagnato da tutti i membri della Sri Gaudiya Vedanta Samiti e lo stabilì come acharya. A quel tempo, lo ha pregato per una cosa sola: "Nel momento in cui mi hai nominato a servire il mano'bhista di Guru Maharaja, mi hai accettato come servitore e così, mi hai salvato. Fino ad ora mi hai salvato, ora per favore salvami un po' di più. Non posso portare tanta responsabilità su di me - la responsabilità di essere l’unico guru. Devi accettare questa responsabilità. È giunto il momento. Anche Srimad Trivikrama Maharaja e tutti gli altri sono con te." Dovrai predicare per lungo tempo in questo mondo. Sarai un acarya incredibilmente potente e la profondità delle tue realizzazioni saranno inconcepibili. Ovunque, tutti ti seguiranno. E coloro che agiscono contro di te, né noi né Guru Maharaj li sosterranno. Né Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura Prabhupada li aiuterà. E ovunque il tuo sguardo si poserà, saremo sempre lì con te. Anche se qualcuno si avvicina con uno sentimento antagonista, cambieranno e si rifugeranno in te." Non avevamo mai visto prima un comportamento tanto intimo e rispettoso tra confratelli. Essi consideravano l'un l'altro le manifestazioni del proprio gurudeva. Molte volte abbiamo visto che parama-pujyapada Srila Trivikrama Gosvami Maharaja, che era l'incarnazione di vairagya e di, "trinad api sunicena ...", offriva sastanga-pranama a Srila Gurudeva, perchè vedeva che all'interno del cuore di Gurudeva c’era Parama-gurudeva e tutta la guru-varga. Vedeva il cuore di Gurudeva cuore come una bel kunja dove si trovano tutti i Vrajavasi, e tali uddipana scuotevano il suo cuore. Pertanto, Srila Trivikrama Gosvami Maharaja cercava di estrarre sapientemente i tesori nascosti dei sentimenti di Srila Gurudeva - proprio come un esperto riesce a rimuovere il miele dall’alveare - in un modo che era impossibile per chiunque altro. Siamo così ciechi che, anche dopo tutto questo, la nostra conoscenza di chi Gurudeva fosse non è stata risvegliata! Anche allora prendevamo le nostre lamentele e le portavamo a Gurudeva, insieme alle nostre varie accuse, e le presentiamo come se fossero i nostri doni a lui. Non abbiamo mai pregato per il paramartha! Se consideriamo il guru attraverso i nostri occhi saremo ingannati; dobbiamo vedere attraverso gli occhi degli sastra.

Fino a quando non arriviamo a capire ed entrare nella rasa-tattva, non possiamo raggiungere le nostre vere relazioni spirituali o identificarci con uno qualsiasi dei rasika-jana. Non saremo mai in grado di ottenere l'ingresso a Vraja o la qualifica per servire là, e, quindi, non saremo mai in grado di soddisfare il vero servizio, mano-'bhis&[[[]][[[]][[[]][]][]][[[]][#][]][[[]][]][]]7789;a. Eseguiamo tanto Sadhana, ma inconsapevolmente copriamo noi stessi di sporcizia, come un elefante che si bagna in acqua e poi di nuovo si copre con il fango. Sentiamo parlare del Vraja-rasa, andiamo vicino alle personalità mahabhagavata ragatmika, ma ancora una volta copriamo noi stessi con la sporcizia materiale. Srila Gurudeva non criticava nessuno. Ci sono persone che lo criticarono troppo, ma lui non ha mai contestato nessuno. Egli istruisce con forza: "Non hai il diritto di dire nulla contro nessuno. Il tuo diritto è solo di eseguire sadhana-bhajana! " Fino ai suoi ultimi giorni non era privo di bhagavadseva anche per un solo momento.

Se non avvicino qualcuno, se non ho una relazione significativa con lui, non ci sarà alcun modo di provare separazione. Se c’è una relazione molto profonda, la separazione sarà molto forte e continua; in tal caso, non saremo in grado di prendere le distanze dall'oggetto della nostra separazione, nemmeno per un istante. Questo tipo di separazione non implica solo la sofferenza, ma il servizio continuo sia internamente che esternamente. Tale servizio sarà molto dolce. Per apprezzare questa dolcezza della separazione, sia guru che Bhagavan prendono le distanze da noi. E' da una distanza che essi sono in grado di gustare la separazione del discepolo e la testimonianza di come il discepolo serve e si comporta in separazione. Il servizio svolto in continua separazione è molto dolce. Un vero discepolo deve adottare lo stato d'animo di un viyogin&[[[]][[[]][[[]][]][]][[[]][#][]][[[]][]][]]299;, ovvero di un amato in separazione. Oggi, quante persone sentono vera separazione da Srila Gurudeva Un neonato non conosce nulla, se non la madre; non ha altra relazione e non sa nient'altro. La domanda è, devo seguire esclusivamente la mia madre spirituale, o devo seguire altre persone comuni Non proviamo la vera separazione da sri guru, perché non siamo esclusivi verso di lui. Non abbiamo preso l'onere della responsabilità per lui; viviamo una vita libera dagli obblighi. Come potrà la pura bhakti entrare nel mio cuore se ho un tale atteggiamento Se vedo che qualcuno piange veramente per Srila Gurudeva o Bhagavan, dovrei pensare che è una persona molto fortunata. Tuttavia, è molto raro trovare tale persona in questo mondo. Manteniamo le cose importanti segrete e nascoste, ma l'amore deve essere tenuto ancora più nascosto. Se faccio vedere il mio amore agli altri, questo si chiama business. Bisogna sempre cercare di nascondere il nostro amore e tenerlo al sicuro, senza mai mostrarlo agli altri. 

Mahaprabhu ci ha mostrato il dolore della separazione, quando Srila Haridasa Thakura lo ha lasciato. Non era disturbato quando lasciò Visnupriya e sua madre. Non aveva nessun problema quando ha lasciato Chota Haridasa. Ma se Svarupa Damodara o Raya Ramananda erano in ritardo, anche di un minuto, era molto addolorato. Avere una relazione con un vaisnava è molto dolce, ma allo stesso tempo molto doloroso. Mahaprabhu viaggiò al sud India, e per quattro mesi è rimasto a casa di Gopala Bhatta. Quando era il momento di andarsene, Gopala Bhatta, Tirumala Bhatta, Vyenkata Bhatta e Prabhodananada Sarasvati soffrirono molto e persero i sensi. Entrambi Sri Prabhodananda Sarasvati e Gopala Bhatta andarono a Vrndavana, scegliendo di non rimanere con le loro famiglie. Sri Nityananda Prabhu ha mostrato a Jiva Gosvami Navadvipa-Dhama e tutti i passatempi di Gauranga Mahaprabhu. Successivamente ha inviato Jiva Gosvami a Vrindavana. Jiva Gosvami non aveva alcun desiderio di andare a Vrindavana e provava tanto dolore al pensiero di lasciare Sri Nityananda Prabhu, ma gli fu ordinato di andare. Non è possibile spiegare l'estensione della sua sofferenza in separazione da Nityananda. Successivamente Jiva Gosvami rimase sotto la guida di Rupa Gosvami. Un giorno Rupa Gosvami Prabhu lo rimproverò e gli ordinò di andarsene. Quanto deve aver sofferto! Perché c'è una tale intensa sensazione di separazione in questi casi Il legame tra le anime è molto profondo, mentre l’attaccamento a questo corpo materiale è solo temporaneo. L’affetto corporeo non è eterno o permanente e non c'è viraha, o separazione, quando due persone con tale attaccamento si separarono. Non ci può essere viraha quando un rapporto si basa sul  godimento materiale. Quando Rupa Gosvami e Srila Sanatana scomparvero, Srila Raghunath Das Gosvami piangeva sempre perdendo i sensi esterno, era sempre sommerso nella separazione. Srila Raghunath das Gosvami si lamentato che vedeva Sri Govardhana era come un grosso serpente, che il Radha-e-Syama Kunda erano come le fauci aperte di un leone pronto a divorarlo. Ha sofferto in questo modo 24 ore al giorno. Quando anch’io potrò avere un simile profondo stato d'animo di separazione Come si può manifestare in me Al momento, penso solo a mangiare e dormire. Non ho alcuna tensione o eventuali problemi. Sono preoccupato solo della salute fisica e del benessere della mente. In tale stato, come posso aspettarmi che la guru-varga mi cosparga delle loro benedizioni Se non ho alcun desiderio di raggiungere questi sentimenti spirituali, come posso sperare che l'amore del mio maestro spirituale si manifesti dentro di me

Ci sono molti acarya e guru-Varga in questo mondo, ma trovare un seguace delle orme delle Vraja-Devi è molto raro. Krsna non ha mandato Uddhava ovunque, ma a Vraja-bhumi dove vivono le Vraja-devi. Allo stesso modo, il mio Srila Gurudeva sta cercando di darmi i sentimenti di vipralambha che le Vraja-devi provano Krishna. E' molto raro trovare una persona in questo mondo che ricerca con impazienza lo stato d'animo di vipralambha che Mahaprabhu è venuto a dare. Da dove posso raccogliere questo sentimento Come Uddhava che andò dalle Vraja-devi, se vado da qualcuno che prova separazione, potrò capire un po’  di questo stato d'animo. Pertanto, ora Srila Gurudeva misericordiosamente mi dà delle istruzioni pratiche sulla separazione. Ho incontrato tante migliaia di persone, ma non riesco a trovare neanche uno che sia uguale a Srila Gurudeva, uno sajatiya, chi mi può aiutare e curarmi per il mio bene. Tutti sono troppo occupati con le loro preoccupazioni nell’aiutare le altre jive. Sono così sfortunato, ma prego i piedi di loto della mia guru-varga di proteggermi così che io possa ricordare continuamente il loro amore e loro misericordia. Prego che Srila Gurudeva non mi rifiuti mai o non mi mandi via. Prego che non mi dia alcuna posizione o prestigio materiale in questo mondo; questa sarebbe una grande maledizione sulla mia vita - non la potrei tollerare. 

Sri Premananda Das brahmacari

 

Viraha-Vidura (privo di essenza vitale a causa della separazione)

4 gennaio 2011

Gurudeva! Oggi, la terra si è privata di ogni bellezza (Sri). I sorrisi brillanti sui volti di tutti i devoti sono stati rubati, e tutti sono tristi inondati dai sentimenti di profonda separazione. Tu sei stato in grado di modificare e rileggere i tuoi commenti sul decimo canto del Bhagavatam fino alla descrizione dei Vraja-lila e dei Mathura-viraha-lila. A quel punto, ti sei immerso nel vipralambha-bhava e ci ha detto: "Io non sono in grado di continuare ulteriormente, a causa delle mie cattive condizioni di salute. Sono estremamente soddisfatto di questo lavoro sullo Srimad-Bhagavatam e voglio vederlo pubblicato prima di lasciare questo mondo." Quando la prima parte del commento al Decimo Canto del Bhagavatam è stata pubblicata e presentata durante il mese di Karttika a Govardhana, hai riversato le tue benedizioni su di noi con l'ordine che questo lavoro venisse completato in pieno, insieme con la pubblicazione di altri libri. 

A Govardhana, hai dato a tutti i devoti il tuo divino darsana per l'ultima volta e ci hai salutato. Parlando al microfono ci ha indirizzato a continuare e a partecipare al Sri Vraja-mandala parikrama e Sri Navadvipa parikrama. Hai detto, "Con grande entusiasmo, dovete predicare in tutto il mondo il messaggio di Rupa-Raghunatha e Mahaprabhu. Lavorando insieme, la mia missione deve fiorire. Dovete solo rimanere sul percorso che ho mostrato e vi prenderò con me e vi libererò." Anche negli ultimi giorni, il tuo entusiasmo, impegno e forza interiore non si è mai interrotto. Come una personalità veramente meravigliosa, hai manifestato una gloriosa dipartita, cantando i nomi di Sri Krsna. O divinità che personifica il Bhagavatam! O più brillante esempio di bhakta-bhagavata! Oggi sei entrato nel servizio diretto a Bhagavan e, come loro caro associato, servi eternamente e beatamente Sri Sri Radha-Govinda. Che possa gentilmente accettare ai tuoi piedi di loto l’offerta piena di lacrime di questa persona umile, caduta e molto sfortunata.

Lo sfortunato, Sri Bhaktivedanta Tirtha 

 

Glorificazione di Srila Gurudeva In Occasione del Vyasa-puja

Di Sripad Bhaktivedanta Vana Maharaja 

Mio più caro amato Gurudeva, ti prego di accettare i miei umili omaggi ai tuoi piedi di loto:

Mukam Karoti vacalam pangum langhayate girim yat-krpa tam aham vande sri-gurum dina-taranam  

Offro i miei rispettosi omaggi a Sri Guru, il liberatore di tutte le anime cadute, la cui misericordia muta uno stolto in un eloquente oratore, e consente allo zoppo di attraversare le montagne. 

I suoi piedi di loto sono l'obiettivo di tutto il mio servizio devozionale. Sono come rare e preziose gemme Cintamani, e il loro servizio dona l’amore per Radhika. Prendo rifugio dei suoi piedi di loto. O Gurudeva, nessun altra personalità può esserti paragonata. Hai insegnato la conoscenza più confidenziale della letteratura vedica, mostrandoci come assorbire la nostra mente nei pensieri di Mahaprabhu:

caitanya-Candra mama hrt-kumudam vikasya hrdyam vydehi ninja-cintana-bhrnga-rangaih kiñcaparadha-timiram nividam vidhuya padamrtam Sadaya Payayá durgatam me (Sri Stavavali, Abhista-sucanam (11) (Srila Raghunath Das Gosvami) 

O Caitanya-Candra, ti prego fai in modo che l'affascinante fiore di loto del mio cuore fiorisca grazie ai deliziosi pensieri rivolti a Te, liberandomi così dalle dense tenebre delle mie offese. Fai in modo che un tale malcapitato beva il nettare che emana dai Tuoi piedi di loto.

Fino ad oggi hai diffuso le onde dell’oceano di amore per Radha e Krsna. Tutti hanno assaporato il nettare di Radha-Krishna dei loro nomi dolci e si sono immersi nelle profondità di quell'oceano. In Inghilterra, America, Russia, Brasile, Australia, Cina, Africa e anche paesi anche musulmani - in tutto il mondo - le persone assaporano la tua dolce nettarea Radha-Krishna-lila-katha. O Gurudeva, tu sei il vero acarya. Ci hai sempre insegnato a come servire Sri Guru: Guru-susrusraya bhaktya sarva-labdharpan ca sangena sadhu-bhaktanam isvararadhanena ca.

A questo proposito, glorificavi il tuo gurudeva Srila Bhakti Prajnana Kesava Gosvami Maharaja - come era completamente arreso ai piedi di loto di Bhaktisiddhanta Sarasvati Prabhupada. Inoltre ti hai dato l'esempio di Kuresa, il discepolo di Ramanujacarya. Mi ricordo una volta a Delhi, un devoto cantava il kirtana, "gurudeva, krpa Karke ..., Mujhe pranon se pyare ho." Tu lo hai fermato e gli chiesi: "Non conosci il significato di Mujhe pranon se Pyare Ho (che è più caro della mia vita) "Allora hai spiegato il significato, come il tuo gurudeva era disposto a sacrificare la sua vita per il servizio del suo gurudeva. Durante il Parikrama di Navadvipa-Dhama, i bhabaji Sahajiya e Smarta brahmana attaccarono Prabhupada, nel tentativo di ucciderlo. A quel tempo, Vinoda-Bihari brahmacari (Sri Srimad Bhakti Prajnana Kesava Gosvami Maharaja) si è vestito con ‘abito da sannyasi di Prabhupada e gli ha dato il suo vestito da brahmacari a Siddhanta Sarasvati. 

In questo modo egli ha protetto il suo gurudeva. Oh Gurudeva, voglio davvero sapere come descrivere in modo appropriato una grande anima come te, al fine di glorificarti. Senza dubbio, sei molto vicino e il più caro a Srimati Radharani, radhikaya-priyatmane. A questo proposito, glorifichi sempre i passatempi di Srimati Radharani e le sue sakhis 'e manjari':  C'è un fatto inspiegabile circa le inclinazioni naturali delle gopi. Le gopi non vogliono divertirsi con Krsna personalmente. La felicità delle Gopi aumenta dieci milioni di volte quando servono Sri Sri Radha-Krishna nei loro passatempi trascendentali.  In questo modo, quando davi le lezioni sulla Sri Raya Ramananda Samvada, rupa siksa, siksa sanatana,  e lo Srimad Bhagavatam- di Krishna, della Gopi-gita, della Venu-gita, Bhramaragita e Yugala-Gita, tutti erano completamente assorti in uno sentimento estatico. A questo proposito, tutti gli eruditi di Mathura e Vrindavana ti hanno dato il titolo rasika-yuga-acarya. Oh Gurudeva, hai veramente soddisfatto tutti i desideri di Guru-Gauranga. 

Pertanto, ancora e ancora porgo omaggi ai tuoi piedi di loto: Sri Kesava mano 'bhistham sthapitam yena bhu-tale svayam Narayana kada mayam dadati sva padantikam

Nella tua vita hai scritto innumerevoli grantha, che sono stati tradotti in varie lingue del mondo. In particolare hai stabilito il rasa-vicara della nostra sampradaya e la tattva-Siddhanta, come i nostri acarya precedenti hanno fatto. A questo proposito, uno elevato vaisnava ha commentato che sei il vaisnava-sarvabhauma (il devoto prominente) di Navadvipa-Dhama, Vrindavana-Dhama e Jagannath Puri, proprio come ai tempi di Jiva Gosvamipada, lui era vaisnava Sarvabhauma in questi tre dhama. Gurudeva, sei sempre adosa-darahi - non si vede mai altri difetti 'e vi darà la misericordia a tutti. Un bambino sporca sua madre, ma la madre lo pulisce immediatamente e lo riporta in grembo. Ti chiedo solo una benedizione, che io possa sempre rimanere il servitore del servitore del servitore dei tuoi piedi di loto. Jaya Srila Gurudeva!

Desiderando la polvere dei piedi di Guru e dei vaisnava,

Sri Bhaktivedanta Vana

 

 
     
 
 

 

Aggiungi questa pagina ai preferiti di Internet Explorer  

Visione consigliata a 1024x768 o superiore
Utilizzare Netscape 4.0 o Internet Explorer 5.0 e sup.
Copyright © 2003 LuX Powered by
ZeusComputer
Vai alla home page Conoscerci meglio Come contattarci Link utili