Logo AVGV  
Intestazione AVGV
 
 
-

 

Krishna bhajansMusica e bhajan

Yoga dell'amore e devozioneMailing list

lezioni vita orientaleLezioni

I video degli eventi vedantaVideo

vrindavana, parikrama, radha krsna, india, diwaliFestival ed eventi

ashram, templi, luoghi sacri, luoghi antichi dell'India, parikramaPellegrinaggi spirituali

arte vedica, Nityananda, Navadvipa, Sri Caitanya, radha, india, Krishna, radharani, dipinti radha e Arte Vedica

calendario vaisnava, ekadasi, janmastamiCalendario Vaisnava

i veda, libri veda in italiano, testi sacri veda, testi veda in italiano, libri veda gratisBiblioteca libri Veda

cucina vedica, cucina orientale, cucina vegetarianaCucina Vedica

Articoli devozionali

Strumenti musicali

Abiti per lo yoga

Incensi e Ayurveda

rivista vedica, cultura vedica, cultura vaishnavaRivista

Galleria fotografica

 



Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai informato in e-mail di tutte le novità della associazione e del sito
 
 
 

Non potete ingannare il guru



Non potete ingannare il guru

Murwillumbah, Australia: 24 gennaio 2001
Tridandisvami Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Maharaja

[[[]]La seguente lezione è stata data nel giorno dell'apparizione di 
Srila Bhaktivedanta Narayana Maharaja[]].

In precedenza ho parlato dei doveri dei discepoli e ho spiegato che 
guru-nistha (fede ferma nel guru) è la spina dorsale della bhakti. 
Senza guru-nistha, non si può avere nessun tipo di devozione. Una 
persona può aver preso l'iniziazione, ma se non c'è nistha, egli è 
inferiore ad una persona che non ha preso l'iniziazione formale e non 
ha fatto un sacrificio del fuoco, ma sta realmente seguendo il suo 
guru autentico.
Io ho visto e realizzato questo. C'era un discepolo di 
Parama-pujyapada Srauti Maharaja che si chiamava Narayana Prabhu ed
era completamente arreso al nostro Guru Maharaja. Egli lo serviva con 
la sua mente, intelligenza e con tutte le parti del suo corpo. Viveva 
sempre con il nostro Gurudeva, ascoltava hari-katha, accettava 
completamente tutte le sue istruzioni e tutti noi avevamo un grande 
onore per lui. Io specialmente avevo molto amore e onore per lui, 
così come Parama-pujyapada Vamana Maharaja, Parama-pujyapada 
Trivikrama Maharaja e altri. Nonostante non fosse iniziato, era più 
di una persona iniziata. Egli era un vero discepolo siksa in quanto 
questa sua sincerità e obbedienza sono i principi basilari 
dell'essere discepolo.
Al contrario, vedevo tante persone coprire quello che c'è nei loro 
cuori * [[[]]vedi la nota alla fine[]]. Queste persone pensano: "il mio 
Gurudeva non sa niente, è uno sciocco. Io posso imbrogliarlo". Loro 
non lo dicono in modo diretto, ma pensano così. Pensano che possono 
imbrogliare un puro devoto, ma un puro devoto non può essere 
imbrogliato. Come potete ingannare colui che è controllato da Krsna 
Se una persona è un vero guru, non può mai essere imbrogliato.

Dovete conoscere l'identità del guru. Srila Raghunatha dasa Gosvami 
ha scritto nelle preghiere del Manah Siksa: "Nadharmam nadharmam 
srutigana. O mente, devi sempre ricordare che Sri Sacinandana, 
Caitanya Mahaprabhu in realtà è Vrajendranandana Syamasundara, ed è
il vero guru". Raya Ramananda disse a Mahaprabhu: "Io sono solo un 
Tuo strumento. Quello che dico è dovuto solo alla Tua ispirazione. Tu 
stai parlando. La bocca sembra mia, ma in realtà tutto viene detto da 
Te".

Una persona potrebbe dire: "Io voglio servire Mahaprabhu come fanno 
le gopi: Egli è il mio amato Mahaprabhu, e io sono la Sua amata". 
Potete fare questo oppure no Questo è sahajiya. Questo è chiamato 
gauranga-nagari-bhava, ed è un apasiddhanta, contrario alle verità 
filosofiche conclusive. Non dobbiamo pensare in questo modo. Caitanya 
Mahaprabhu è il guru e noi dobbiamo fare tutto ciò che ordina.

Un giorno Vallabha Bhatta disse ad Advaita Acarya: "Perché canti ad 
alta voce Hare Krsna Hare Krsna, Krsna Krsna Hare Hare, Hare Rama 
Hare Rama, Rama Rama Hare Hare Ogni entità vivente è femminile e 
considera Krisna suo marito. E' dovere di una moglie casta, e devota 
a suo marito, non pronunciare il nome del marito, invece tutti voi 
cantate il nome di Krsna. Come può questo essere chiamato principio 
religioso"

Advaita Acarya rispose: "Davanti a te c'è Sri Caitanya Mahaprabhu, la 
personificazione dei principi religiosi. Dovresti chiederlo a Lui, 
perché Egli ti darà una risposta adeguata". Sentendo questo 
Mahaprabhu disse: "Mio caro Vallabha Bhatta, tu non conosci i 
principi religiosi. In realtà il primo dovere di una donna casta è di 
seguire gli ordini del marito. L'ordine di Krsna è di cantare il Suo 
nome continuamente. Perciò una persona che è casta e segue ciò che 
dice il marito, Krsna, deve cantare il nome del Signore altrimenti 
trascurerebbe il Suo ordine. Seguendo i principi religiosi, un puro 
devoto di Krsna sempre canta il santo nome, e come risultato ottiene 
i frutti dell'amore estatico per Krsna. Mio marito mi ha ordinato di 
cantare i Suoi nomi. Egli ha detto: 'Tu devi farlo, questo Mi renderà 
molto felice'. Io devo renderLo felice, io devo servirLo".

Sentendo questo, Vallabha Bhatta non potè dire una parola. Prima di 
questo aveva detto a Mahaprabhu: "Ho provato a descrivere 
elaboratamente il significato del santo nome di Krsna. Per favore 
ascolta la spiegazione".
Caitanya Mahaprabhu rispose: "Per il santo nome di Krsna Io non 
accetto nessun significato differente. Io so solo che Krsna è 
Syamasundara e Yasodanandana. Questo è tutto ciò che conosco. L'unica 
spiegazione al santo nome di Krsna è che Egli è di colore blu scuro, 
come un albero Tamala ed è il figlio di madre Yasoda. Questa è la 
conclusione di tutte le scritture rivelate. In conclusione conosco 
questi due nomi, Syamasundara e Yasodanandana. Io non capisco gli 
altri significati, e non ho neanche la capacità di capirli".
Qualunque cosa Vallabha Bhatta dicesse, Mahaprabhu rispondeva in modo 
tale da farlo rimanere senza parole. Egli voleva sconfiggere 
Mahaprabhu e mostrare la sua gloria. Voleva mostrare: "Come sono 
qualificato. Come sono erudito". Ma Caitanya Mahaprabhu è jagad-guru. 
Perciò dovremo provare a seguire completamente qualunque cosa abbia 
ordinato e tutto ciò che ha insegnato
Mahaprabhu ci ha detto: "Dovete cantare il nome di Krsna --Hare 
Krsna". In realtà Krsna nella forma di Mahaprabhu ha ordinato questo 
e noi dobbiamo seguire. Bisogna capire che Caitanya Mahaprabhu è il 
guru. Egli è Krsna Stesso, con i sentimenti di Radhika. E' molto 
importante sapere questo. C'è qualcuno che conosce qualcosa che in 
questo mondo possa coprire la conoscenza di Mahaprabhu Può qualcosa 
esserGli nascosta Coloro che hanno questo guru, Mahaprabhu, nei loro 
cuori, non possono mai essere imbrogliati.
Coloro che provano a imbrogliare saranno imbrogliati. Noi non 
dovremmo provare a imbrogliare il guru e i vaisnava. Tutti i vaisnava 
sono guru e fare ciò che vogliono è bhakti. Noi dovremmo provare a 
conoscere il desiderio di gurudeva. Coloro che comprendono il 
desideri del guru, sia interni che esterni, sono chiamati sevaka. 
Qualcuno può ricevere un ordine e avere delle difficoltà 
nell'ubbidire. Egli dirà: "Oh Gurudeva, come posso farlo" "Và e 
porta un bicchiere d'acqua". "Gurudeva, se non c'è acqua, che cosa 
dovrei fare Dovrei lavare il bicchiere oppure no Dovrei portare 
l'acqua fredda o calda" Questa persona non è un sevaka
E se inoltre si rifiuta di obbedire ad un ordine diretto non è da 
considerare un sevaka ma un baka, una gru. Noi dovremmo provare a 
essere dei sevaka, nel vero senso della parola -come Govinda, Srila 
Jiva Gosvami, Sri Syamananda Prabhu, Srila Narottama dasa Thakura, e 
Srinivasa Acarya. Dovremo diventare dei sevaka come Prabhupada 
Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura, che era il sevaka di Srila 
Gaurakisora dasa Babaji Maharaja, noi dovremmo essere discepoli come 
lo era il mio gurudeva. Egli mise la sua vita e anima nelle mani e le 
offrì per soddisfare il desiderio del suo gurudeva.

Se volete la bhakti dovete avere guru-nißÝhå, poi la misericordia di 
Krishna verrà. Tutti gli sastra hanno glorificato immensamente 
sri-gurudeva. Srila Visvanatha Cakravarti Thakura ha scritto la 
canzone sri Guruvastakam dove ha glorificato nel vero senso gurudeva, 
dal primo all'ultimo verso. Ho già spiegato qualcosa in Germania a 
proposito di questa canzone, specialmente il verso samsara davanala 
lidha loka tranaya karunya ghanaghanatvam. La misericordia condensata
di Krishna è sri gurudeva. E cosa fa gurudeva sri vigraharadana 
niitya nana. Egli è sempre impegnato nel servire la sri vigraha, sri 
Krishna e Srimati Radhika. Egli serve sempre direttamente le Divinità 
cucinando e facendo l'arcana, ed è sempre impegnato nell'ascolto, nel 
canto, nel ricordo e così via. Egli offre quattro tipi di cibo a 
Krishna e poi onora quel prasada assieme a tutti i devoti. Non prende 
prasada da solo.
Sri radhika madhavayor apara: egli è sempre molto avido di gustare 
l'insieme delle qualità, forma e nomi di Radha e Krishna. Inoltre 
nikunjayuno rati-keli-siddhai. Questo sloka rivela un carattere molto 
intimo di gurudeva e perciò più avanti si dice saksadharitvena. Egli 
non è Hari ma haritvena. In lui vengono incarnate tutte le qualità di 
Hari. Egli non è Krishna e non è Mahaprabhu, ma tutte le qualità di 
Krishna e di Mahaprabhu si trovano in lui. Egli è un eterno e 
confidenziale servitore di Radha e Krishna.
Molti devoti chiedono: "Se un guru inizia un discepolo, quel guru 
sarà presente anche quando il discepolo rinascerà o ci sarà un altro 
guru" Se il guru non è autentico, se non ha realizzato la sua forma 
costitutiva e se non è un uttama-adhikari, allora potrebbe cambiare. 
Krishna arrangerà. Se è un guru kanistha adhikari come ad esempio un 
vartma-pradarsaka-guru (un guru formale) e non è realizzato, allora 
cambierà. Un guru autentico non sarà sostituito, egli aiuterà i suoi 
discepoli sinceri ovunque e in ogni modo.
Lui possiede molti 'abiti'. A volte potrebbe cambiare abito, ma la 
sua personalità resta la stessa. Caitanya Mahaprabhu è venuto e Lui 
era il Signore Krishna. Sri Gadadhara Pandita era in quella forma, 
con la testa rasata, vestito di bianco ma se avesse portato gli abiti 
da sannyasi, la personalità sarebbe stata la stessa.
Provate a comprendere quello che vi sto dicendo. Non si può servire 
Radhika con una forma maschile. Perciò quando Gurudeva serve 
Radha-Krishna coniugali si trova in una forma di gopi. Ecco perché 
nel guru mantra è contenuto krsnanandaya dhimahi e pracodayat. Il 
discepolo prega: "Sii misericordioso e manifesta il modo in cui tu 
servi Krishna e Srimati Radhika" In questo modo lui potrebbe 
rivelarsi, altrimenti è molto difficile conoscere le profonde verità 
che lo riguardano.
Narada a volte viene come Madhumangala,, ma la sua anima è la stessa. 
Egli ha molte forme: come Srivasa Pandita, come Narada-gopi e molte 
altre. Se uno ha realizzato chi è gurudeva o in altre parole se 
gurudeva ha manifestato se stesso a quel discepolo, non sarà 
sostituito. Quello stesso guru lo aiuterà. Non siate confusi 
dall'abito.
Se uno è un vero guru, anche fosse un madhyama-adhikari, sarà un 
rappresentante di Krishna o di Mahaprabhu perché in lui agisce il 
loro potere. E' Krishna che lo ha mandato. Lui ha arrangiato.
Se una persona ordinaria, come ad esempio un kula-guru, un guru di 
famiglia, non è qualificato ma il suo discepolo pensa: "Il mio guru è 
Krishna" e quel discepolo ha desideri materiali, vedrà i suoi 
desideri soddisfatti. Questo avviene perché egli pensa che il suo 
gurudeva è un rappresentante di Krishna. Se i suoi desideri non 
vengono soddisfatti sarà responsabilità di Krishna. Krishna deve 
perciò soddisfare quei desideri. Il discepolo deve essere sincero, 
anche se ha un kula-guru. Se non c'è sincerità,, non otterrà nulla. 
Srila Sanatana Gosvami ha scritto che anche se si adorasse un filo 
d'erba pensando che sia Krishna,, si avranno dei benefici.
In qualche modo dovete tentare di obbedire al guru e ai Vaisnava. 
Onorate tutti i Vaisnava altrimenti non potrete sevire Gurudeva. Lui 
non sarà felice.
Domanda: Se alcuni discepoli di Srila Prabhupada Bhaktisiddhanta 
Sarasvati Thakura non avessero completato il loro processo di 
realizzazione, con chi si troverebbero nella vita successiva
Srila Narayana Maharaja: Srila Prabhupada verrà. In un modo o 
nell'altro, in una quache forma verrà. Questo è spiegato nel Sri 
Brhad Bhagavatamrta. Il guru di Gopa-kumara continuava a tornare da 
lui, nelle sue differenti vite. Alla fine disse: "Le mie benedizioni 
di cuore sono per te. Devi subito andare a Goloka Vrndavana." 
Gopa-kumara allora realizzò e disse: "Vado, vado."

(Durante il parikrama di Vraja-mandala Srila Narayana Maharaja disse 
ai devoti in visita: "So chi di voi scrive lettere di 'prema'. Se 
venite da me e mi parlate del vostro problema di lussuria, allora vi 
aiuterò e vi salverò da questo. Se non venite a parlarmene ne 
diventerete più legati e andrete all'inferno. Io so tutto quello che 
passa nella vostra mente. Se un Vaisnava non sa tutto quello che c'è 
nella vostra mente, non è un Vaisnava."
Un'altra volta in Francia durante una lezione sul guru-tattva, Srila 
Narayana Maharaja disse: "Srila Rupa Gosvami ha scritto: Visrambhena 
gurau-seva." Ovvero servire gurudeva con intimità. Qual è il 
significato di intimità Poter aprire il nostro cuore a gurudeva. In 
occidente se si va al bagno ci si spoglia prima di entrare nella 
vasca. Nella cultura indiana non si fa così, ma ora anche gli indiani 
seguono gli occidentali. Comunque sia, se in quel momento vi vedete 
allo specchio, non provate imbarazzo perché siete soli, non c'è 
nessuno che vi sta guardando. Lo specchio non è una persona. Gurudeva 
deve essere visto in quel modo. Lui è come lo specchio, un caro 
amico. Noi possiamo aprire completamente il nostro cuore a gurudeva e 
offriglielo così che possa leggervi. Non c'è nulla da nascondergli. 
Se gli nascondete qualcosa, c'è della duplicità: "Come stai C'è 
qualche problema" "No, nulla." Il discepolo non gli sta dicendo che 
si è innamorato di una ragazzo o di qualcuno. L'effetto sarà quello 
di una bomba atomica, anche se all'inizio sembra insignificante. Si 
potrebbe pensare: "O gurudeva non deve sapere tutte queste cose 
altrimenti mi castigherà e mi farà dei problemi."
Questo rifiuto verso gurudeva sarà come il buco fatto da un ago che 
alla fine diventa grande abbastanza da far passare persino un 
elefante. Non agite in questo modo.")

 

 
     
 
 

 

Aggiungi questa pagina ai preferiti di Internet Explorer  

Visione consigliata a 1024x768 o superiore
Utilizzare Netscape 4.0 o Internet Explorer 5.0 e sup.
Copyright © 2003 LuX Powered by
ZeusComputer
Vai alla home page Conoscerci meglio Come contattarci Link utili