Logo AVGV  
Intestazione AVGV
 
 
-

 

Krishna bhajansMusica e bhajan

Yoga dell'amore e devozioneMailing list

lezioni vita orientaleLezioni

I video degli eventi vedantaVideo

vrindavana, parikrama, radha krsna, india, diwaliFestival ed eventi

ashram, templi, luoghi sacri, luoghi antichi dell'India, parikramaPellegrinaggi spirituali

arte vedica, Nityananda, Navadvipa, Sri Caitanya, radha, india, Krishna, radharani, dipinti radha e Arte Vedica

calendario vaisnava, ekadasi, janmastamiCalendario Vaisnava

i veda, libri veda in italiano, testi sacri veda, testi veda in italiano, libri veda gratisBiblioteca libri Veda

cucina vedica, cucina orientale, cucina vegetarianaCucina Vedica

Articoli devozionali

Strumenti musicali

Abiti per lo yoga

Incensi e Ayurveda

rivista vedica, cultura vedica, cultura vaishnavaRivista

Galleria fotografica

 



Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai informato in e-mail di tutte le novità della associazione e del sito
 
 
 

Scrivete queste cose nel cuore



Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Maharaja

SCRIVETE QUESTE COSE NEL CUORE
(lezione sul Jaiva Dharma)
Murwillumbah, Australia 18 Febbraio 2002

Ci sono dieci essenziali verità riguardanti l'esistenza. Esse sono 
definite Dasamula, Dasamula-siksa, gli insegnamenti di queste verità 
sono stati delineati da Srila Bhaktivinoda Thakura nel Jaiva-dharma:

amnaya praha tattvam harim iha paramam sarva-saktim rasabdim
tad bhinnamsamsca jivan prakrti-kavalitan tad vimuktams ca bhavad
bhedabheda-prakasam sakalam api hareh sadhanam suddha-bhaktim
sadhyam tat pritim evety upadisati janan gauracandrah svayam sah

1) Il messaggio dei Veda ricevuto attraverso la guru-parampara é 
chiamato amnaya. L'infallibile evidenza dei Veda, degli smrti-sastra 
(come lo Srimad-Bhagavatam), così come l'evidenza della percezione 
diretta dei sensi che è in accordo alla linea dei Veda, sono stati 
accettati come prove autorevoli (pramana). Da queste evidenze sono 
state ricavate le seguenti verità essenziali (prameya):
2 Hari é la Verità Suprema
3 Egli é sarva-saktiman, il possessore di tutte le potenze
4 Egli é akhila-rasamrta-sindhu, l'oceano che contiene tutti i 
nettari trascendentali
5 Ci sono due tipi di jive: le mukta e le baddha (liberate e 
condizionate) entrambe Sue distinte espansioni (vibhinamsa-tattva)
6 Le anime condizionate sono sotto il controllo di maya
7 Le mukta-jive sono libere dall'influenza di maya
8 Tutto ciò che esiste sia gli esseri consci che quelli inconsci 
sono una manifestazione del Signore Hari simultaneamente e 
inconcepibilmente uguali e differenti da Lui
9 La bhakti é l'unico sadhana (processo)
10 L'amore per Krsna (krsna-prema) é l'unico obiettivo (sadhya)"

Svayam Bhagavan Sri Caitanya Mahaprabhu ha dato alle anime che hanno 
fede queste dieci tattva. Tra queste la prima é l'evidenza 
(pramana-tattva) e le altre nove sono prameya-tattva, gli argomenti 
che sostengono la pramana-tattva."

(Nella sua ultima lezione a Murwillumbah, Srila Maharaja ha spiegato 
queste dieci verità.)

Srila Narayana Maharaja: Scrivete nel cuore questi dieci principi e 
quando ne avrete bisogno potrete dire con coraggio: "Questa é la 
nostra filosofia"

Cos'é amnaya

Sripad Ashrama Maharaja: Amnaya praha significa insegnamenti vedici 
che vengono trasmessi dalla nostra successione disciplica.
Ci sono molti insegnamenti contenuti nei Veda, ma non tutti gli 
insegnamenti sono accettati nella linea del puro servizio 
devozionale. Amnaya praha si riferisce specificatamente alle 
istruzioni contenute nelle scritture vediche che sono state accettate 
dai nostri acarya predecessori e che ci vengono trasmesse nella 
catena disciplica.

Srila Narayana Maharaja: Qual é la seconda

Syamarani dd: Anmaya é una cosa a sè. E' la pramana, l'evidenza da 
cui scaturiscono i prameya, Ci sono nove principi contenuti nella 
letteratura vedica e sono chiamati prameya. Il primo di questi nove 
principi é che Hari, Brajendranandana Sri Krsna é la Suprema Verità. 
Lui é advaya-jnana para-tattva, é uno senza secondi. Tutte le altre 
manifestazioni di Dio vengono da Lui. Lui é amsi, la sorgente di 
tutti gli avatara e di tutte le incarnazioni, come i purusa-avatara, 
i lila-avatara, e i guna-avatara. Questo é il primo prameya che 
scaturisce da pramana, o anmaya.

Srila Narayana Maharaja: Dovete conoscere le parole brahma, e anche 
Allah e Dio; tutti questi nomi hanno lo stesso significato. Brahma 
significa il più grande, come Allah. Ma la parola Bhagavan ha un 
significato molto dolce. Se qualcuno ha un'illimitata grandezza e 
opulenza, ma non può diventare molto piccolo e infinitesimale, come 
può essere Dio Non può. Krsna ha tutte queste qualità. Lui é il più 
grande perché l'intero mondo é situato in uno dei pori della Sua 
pelle, allo stesso tempo, é anoraniyam, presente in tutti gli atomi e 
in ogni particella dei raggi del sole.

Krsna é ovunque. Lui é in noi, é nei cespugli, negli alberi, nelle 
pietre, é anche in questo libro. Ma se c'è Krsna negli atomi, 
cespugli e pietre perché allora non parlano Noi parliamo perché 
Krsna é in noi, perché allora il libro non parla Perchè nel libro 
non c'é jivatma (anima). Quando son presenti sia la jivatma che il 
paramatma allora é possibile parlare. Noi possiamo parlare. Siamo 
l'anima. Ma anche se Krsna é presente nel libro, lì non c'é anima. 
Negli alberi é presente sia l'anima che la Superanima e quindi 
possono provare qualcosa e possono anche comunicare col loro 
linguaggio.

Krsna é Supremo. Lui può essere il più piccolo, ma anche il più 
grande. Narayana, Dio ha molta opulenza, ma la maggioranza delle 
persone pensa che non abbia forma e che non possa venire da noi. 
Krsna però può venire. Infatti è vero che Narayana non scende nella 
sua forma originale per relazionare con noi, invece Krsna viene con 
una forma molto dolce. Lui é molto furbo e dolce. Lui può essere come 
un figlio, come un amico o come il nostro più caro amato. Narayana, 
Allah, Cristo e Buddha non verranno così, quindi Krsna é il Supremo. 
Hari parama-tattva.

La terza verità é che Lui é sarva-saktiman (il possessore di tutte le 
potenze ed energie).

Sripad Madhava Maharaja: Krsna é onnipotente. Possiede tutte le sakti 
(potenze), come la jiva-sakti, la cit-sakti e la maya-sakti. Queste 
tre potenze sono le più importanti. In verità la sakti é una ed é 
chiamata antaranga-sakti, hladini-sakti o para-sakti. Secondo il 
desiderio di Krsna questa sakti é definita in modi differenti a 
seconda delle differenti funzioni. Nelle Upanisad é scritto:

na tasya karyam karanam ca vidyate
na tat-samas cabhyadhikas ca drsyate
parasya saktir vividhaiva sruyate
svabhaviki jnana-bala-kriya ca
(Svetasvatara Upanisad 6.8)

"Il Supremo Signore non deve adempiere a nulla e nessuno può essere 
più grande o uguale a Lui; tutto è compiuto simultaneamente e 
naturalmente dalle Sue energie."

In questo mondo tutto dipende dalla legge di causa-effetto. Per prima 
cosa viene la causa e poi arriva l'effetto. Ma per Bhagavan Sri 
Krsna, na tasya karyam karanam ca vidyate. Lui é completamente al di 
là di questa legge.

Srila Narayana Maharaja: Krsna é sarva-saktiman. Non possiamo vederLo 
con questi occhi o con questa intelligenza, non possiamo raggiungerLo 
con questi sensi. Lui é oltre le nostre capacità; solo quando vuole, 
Krsna chiama Yogamaya; lei e Krsna toccano questo mondo; ma nessuno
può vederLo.

Alcuni credono che Krsna sia il Dio degli dei e altri non lo credono. 
Kamsa vide Krsna e Krsna toccò il suo corpo. Canura e Mustika Lo 
videro e Krsna li toccò; ma essi non pensarono mai che Krsna é Dio. 
Duryodana e Jarasandha videro Krsna e anche Ravana, Kumbhakarna e 
altri demoni videro Rama. Rama é Krsna, ma non lo realizzarono. Loro 
erano sotto l'influenza di Maya; mentre quelli che sono in 
associazione con i Vaisnava avanzati possono realizzare chi é Dio per 
misericordia di Yogamaya. Quindi Lui é sarva-saktiman.

Krsna si manifesta in questo mondo tramite pradhana, la materia la 
quale si manifesta a sua volta come aria, acqua, fuoco, etere e 
terra. Pradhana é materiale ma é una sakti e questa potenza di Krsna 
é chiamata maya-sakti o bahiranga-sakti (energia esterna). Le 
manifestazioni materiali di pradhana non sono eterne, mentre la 
potenza stessa é eterna.

Cos'é rasabdim

Pundarika dasa: Srila Bhaktivinoda Thakura dice che Krsna é definito 
anche rasabdim, che significa un oceano di rasa, colui dal quale 
emanano tutti i nettari e i rasa. Nei veda Krsna é anche chiamato 
raso vai saha, Lui é l'origine di tutti i rasa ed é colui che li 
gusta appieno. Cosa significa questo Abbiamo appena sentito che 
Krsna possiede tutte le potenze e tutta l'energia trascendentale. 
Questa energia si manifesta in innumerevoli modi e soddisfa i 
desideri di Krsna. Ci sono tre aspetti della potenza interna e sono 
samvit, hladini e sandini e queste tre potenze danno vita a tutte le 
attività della potenza interna, marginale ed esterna. In questo mondo 
materiale, grazie all'influenza della potenza esterna, tutte le jive 
sperimentano jadananda, piacere materiale. Questo piacere materiale é 
il riflesso perverso della potenza interna hladini-sakti. Quelli che 
superano questo livello e arrivano a sperimentare brahma bhuta 
prasanatma (sperimentare brahman) sperimentano anch'essi il riflesso 
della potenza interna del Signore. Nel suo stato puro, a Goloka 
Vrndavana e in tutti i mondi spirituali, la hladini-sakti soddisfa 
tutti i desideri del Signore. Per questa ragione é detto che Krsna é 
colui da cui emanano tutti i rasa sperimentati ovunque e da chiunque.

Srila Narayana Maharaja: Ci sono due tipi di jiva che vengono da 
Krsna. Cosa significa bhedabheda

Sripad Bhakti Sara Maharaja: In questo sloka, Srila Bhaktivinoda 
Thakura dice, bhedabheda-prakasam. La verità assoluta é 
simultaneamente uguale e differente dal tutto. In altre parole Dio é 
ovunque, ma il tutto non é Dio. Questa é la differenza dalla 
filosofia monista di Sankara e delle altre scuole filosofiche come la 
Ramanuja, Madhva, Visnusvami e Nimbaditya.

Srila Narayana Maharaja: Da un lato possiamo vedere che le jive non 
sono diverse da Krsna, ma allo stesso tempo sono differenti. Le jive 
provengono dalla shakti e sono una trasformazione di sakti; non sono 
delle manifestazioni complete, svamsa. C'é una differenza e una 
uguaglianza. Le jive hanno delle qualità di parabrahma, ma non tutte. 
Loro non possono creare. Non possono essere svamsa, espansioni 
plenarie di Krsna. Le jive possono venire offuscate in qualsiasi 
momento. La differenza e l'uguaglianza é una cosa inconcepibile per 
le anime condizionate. Solo tramite le parole del guru e con amnaya, 
i Veda-sastra, si può realizzare.

Devoto: Hai appena detto che la jiva potrebbe essere coperta; ma due 
giorni fa hai citato un verso del Jaiva Dharma dicendo che Baladeva 
manifesta le jive che sono eterne associate di Krsna a Vrndavana.

Srila Maharaja: Quelle non sono jive.

Devoto: Ma la parola scritta nel libro é jiva.

Srila Maharaja: Non c'é una parola adatta nel nostro linguaggio. Loro 
sono tutti parikara (eterni associati). La parola jiva può essere 
applicata solo in questo mondo. Tutte le jive possono essere coperte; 
mentre in quel regno spirituale sono dei parikara (associati), e 
nitya-mukta (eternamente liberati). Qui in questo mondo non siamo 
nitya-mukta, siamo nitya-baddha. In verità non siamo nitya-baddha 
(eternamente condizionati), ma anadi-baddha (condizionati da tempo 
immemorabile). Queste jive possono essere liberate.

Cos'é sadhana

Vraja Bhallabha dasa: Sadhana é il processo col quale la jiva può 
liberarsi dal regno di maya.

Srila Narayana Maharaja: Questo é un significato esterno, qual è 
quello interno

Vraja Vallabha: Con questo processo si otterrà suddha-bhakti.

Srila Narayana Maharaja: Col sadhana, con la bhakti, possiamo 
ottenere bhava e gradualmente prema. Sadhana significa praticare 
sravanam, kirtanam, visnu-smaranam, arcanam, vandanam, dasyam, sakyam 
e atma nivedanam (l'ascolto, il canto del trascendentale nome, forma, 
qualità, parafernalia e passatempi del Signore Visnu, ricordarli, 
servire i piedi di loto del Signore, offrire al Signore un'adorazione 
rispettosa con sedici tipi di ingredienti, offrire preghiere al 
Signore, diventare il Suo servitore, considerare il Signore come il 
proprio caro amico e arrendersi totalmente a Lui, in altre parole 
servirlo con il corpo, la mente e le parole. (SB 7.5.23)

In più i cinque processi più importanti sono:

sadhu-sanga, nama-kirtana, bhagavata-sravana
mathura-vasa, sri-mutira, sraddhaya sevana
(Cc Madhya 22. 128)

"Associarsi con i devoti, cantare il santo nome del Singore, 
ascoltare lo Srimad Bhagavatam, risiedere a Mathura e adorare le 
divinità con fede e venerazione."

Tra questi cinque i tre più importanti sono: sravanam, kirtanam e 
visnu smaranam; e tra questi il più importante é cantare Hare Krsna:

harer nama harer nama
harer namaiva kevalam
kalau nasty eva nasty eva
nasty eva gatir anyatha
(Cc Adi 17.21)

"In questa era di discordia e ipocrisia l'unico metodo di liberazione 
é il canto dei santi nomi del Signore. Non c'é altro modo. Non c'é 
altro modo. Non c'é altro modo."

Nama-sankirtan tra tutti é il miglior sadhana, poiché i nomi sono 
Radha e Krsna Stessi. Cantando potremo ottenere prema e questo prema 
é il nostro prayojana (scopo). La prima di queste essenziali verità é 
l'evidenza, amnaya, ed é accettata dalla nostra guru-parampara. Tra 
tutte le evidenze degli sastra, lo Srimad Bhagavatam é il supremo. Le 
successive verità rivelano sambhanda-jnana, abhideya e krsna-prema 
prayojana. Krsna é il supremo senza secondi, é 
advaya-jnana-para-tattva. Lui é un oceano di rasa, ed é 
sarva-saktiman. Ci sono due tipi di jiva che vengono da Lui e c'é una 
differenza e un'uguaglianza tra le jive e il Supremo Signore. Il 
sadhana (processo) é praticare la suddha-bhakti, e prema (amore per 
Krsna) é il prayojana (scopo finale). Questi Dasamula-siksa sono 
stati spiegati in breve nel Jaiva Dharma e tutti voi dovete 
ricordarli.

I miei ringraziamenti a tutti i devoti qui. Prego Krsna che conceda 
la Sua misericordia a quelli che hanno aiutato con i soldi, con le 
loro energie, o dando le lezioni. Prego Krsna e Caitanya Mahaprabhu 
di essere misericordiosi con loro. Anche quelli che hanno cantato i 
kirtana, o quelli che hanno aiutato in qualsiasi altro modo. Prego 
che possiate tutti sviluppare amore ed affetto per Krsna ed 
attaccamento al Krsna-nama. Non dovete mai essere deboli.

Le mie benedizioni di cuore a tutti voi.

GAURA-PREMANANDE!

hari-haribol!

 

 
     
 
 

 

Aggiungi questa pagina ai preferiti di Internet Explorer  

Visione consigliata a 1024x768 o superiore
Utilizzare Netscape 4.0 o Internet Explorer 5.0 e sup.
Copyright © 2003 LuX Powered by
ZeusComputer
Vai alla home page Conoscerci meglio Come contattarci Link utili