Logo AVGV  
Intestazione AVGV
 
 
-

 

Krishna bhajansMusica e bhajan

Yoga dell'amore e devozioneMailing list

lezioni vita orientaleLezioni

I video degli eventi vedantaVideo

vrindavana, parikrama, radha krsna, india, diwaliFestival ed eventi

ashram, templi, luoghi sacri, luoghi antichi dell'India, parikramaPellegrinaggi spirituali

arte vedica, Nityananda, Navadvipa, Sri Caitanya, radha, india, Krishna, radharani, dipinti radha e Arte Vedica

calendario vaisnava, ekadasi, janmastamiCalendario Vaisnava

i veda, libri veda in italiano, testi sacri veda, testi veda in italiano, libri veda gratisBiblioteca libri Veda

cucina vedica, cucina orientale, cucina vegetarianaCucina Vedica

Articoli devozionali

Strumenti musicali

Abiti per lo yoga

Incensi e Ayurveda

rivista vedica, cultura vedica, cultura vaishnavaRivista

Galleria fotografica

 



Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai informato in e-mail di tutte le novità della associazione e del sito
 
 
 

Aspetto divino del guru



L'aspetto divino del guru
Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Prabhupada
Pubblicato per la prima volta nell'Harmonist
24 agosto 1933

Il teismo implica necessariamente la distintiva personalità del guru. Se ci
dev'essere una qualche distinzione tra Dio e l'uomo, dev'esserci anche il
mezzo per rendere questa distinzione possibile. Questa terza entità è il
guru. Egli è il mezzo.
C'è anche un'altra linea di argomento attraverso la quale si può
considerare la personalità del guru. Questa linea di argomento riguarda la
natura dell'adorazione. Se Dio e l'uomo esistono separatamente l'uno
dall'altro, diventa necessario trovare anche la loro reciproca relazione.
Questo fa sorgere una serie infinita di considerazioni, rappresentata dal
concetto di potere divino o sakti. L'uomo è servitore. Dio è il padrone
assoluto.
La remisssività assoluta è la qualità caratteristica del potere. Tra la
remissività e il padronato ci dovrebbe essere un inattraversabile golfo di
separazione, essendo l'uno separato dall'altro per differenza di
funzionalità. Ma siccome la natura aborrisce il vuoto, le stesse basi del
pensiero ci ingiungono di trovare un qualche principio di intermediazione
tra i due. Il guru, o il principio di questa intermediazione, è padrone
assoluto così come servitore assoluto. Nella sua relazione con l'uomo il
guru è il maestro assoluto. Il guru è il divino donatore di una relazione
efficiente e allo stesso tempo materiale tra il padrone e i suoi relativi
servitori.
Nel suo aspetto di servitore assoluto il guru è la sorgente di tutte le
relative entità servitrici. Egli è la causa dell'anima dell'uomo e di tutte
le entità spirituali con l'aiuto delle quali l'anima dell'uomo è in grado
di servire Dio, con e attraverso il guru. Nel suo aspetto di maestro il
guru permette o vieta all'uomo il servizio di Dio. Ma al guru non è mai
vietato il servizio di Dio.
Bisogna tenere attentamente in mente tutte queste considerazioni se ci si
vuole avvicinare con l'appropriata attitudine di illuminata fede e
sottomissione al soggetto dell' "Aspetto Divino del Guru."

Guru - Una Doppia Personalità

Volgiamoci ora alla concreta realtà in se stessa. Il Guru stesso ha una
doppia personalità. Sri Krsna è servito da Sri Radhika e Sri Baladeva. C'è
una distinzione tra i servizi resi a Sri Krsna da Sri Baladeva e da Sri
Radhika. L'aspetto di Sri ßaladeva è subordinato a Sri Radhika. L'aspetto
di maestro di Sri Baladeva non ha nessuna autorità su Sri Radhika. Sri
Baladeva ha la Sua giurisdizione di maestro su tutte le entità che
collettivamente sono chiamate "jŠva". Sul regno delle jŠva, Sri Baladeva
governa con assoluta supremazia. Questo regno è diviso in metà più bassa
della sfera assoluta, Vaikuntha, e l'ombra della sfera assoluta, chiamata
mondo materiale.
Sri Baladeva è l'oggetto di adorazione delle entità di Vaikuntha. Il suo
dominio non è direttamente esercitato sulle faccende del mondo materiale.
La creazione e amministrazione del mondo materiale sono la funzione di
persone divine distinte che emanano da Sri Baladeva come Sua porzione
plenaria. Esse sono conosciute come purusa. I purusa sono i creatori
trascendenti e gli immanenti sostenitori del mondo materiale. Tuttavia non
c'e nessun diretto contatto neanche tra Loro e questo mondo materiale.

Maya - Il Principio della Limitazione e dell'Ignoranza

Quell'aspetto del potere di Sri Krsna, che serve come il principio della
limitazione e dell'ignoranza, ricoprendo la jiva, è chiamato maya. Alle
anime individuali che emanano da Sri Baladeva è permessa l'opzione di
essere dissociati da Sri Baladeva, esercitando il loro libero arbitrio. Le
jiva che scelgono di essere separate da Sri Baladeva sono, per volere di
Sri Krsna, private della vista di Sri Baladeva per mezzo del dispositivo
della potenza illusoria che agisce in questo mondo materiale.
Maya significa "quello con cui le cose possono essere misurate". Nel regno
di Vaikuntha le cose non sono misurabili dalle facoltà delle jiva. è solo
sul piano di maya, in questo mondo fenomenico, che la jiva ha la
possibilità di comprendere qualcosa attraverso le sue facoltà senza
assistenza. Ma tale comprensione è inutile per il vero scopo della jiva,
poiché non le dà accesso alla reale entità di nessuna cosa.
Il soggetto, l'oggetto, così come il processo della conoscenza di questo
mondo è tutto un artifizio dell'energia illusoria per permettere alle jiva
che sono avverse a Sri Baladeva di avere un tipo di esistenza congeniale a
praticare la loro avversione a Lui.
Quelle anime che non sono con Sri Baladeva sono necessariamente contro di
Lui. La facoltà di ragionamento nell'uomo è in grado di andare contro se
stessa, ma non appena sceglie di farlo, non può dichiarare anche di essere
ragionevole.

La Volontà Assoluta

La realtà ultima è la personalità che Si manifesta come la volontà assoluta
dietro le attività del principio plenario, inseparabile e cognitivo. Le
operazioni del principio cognitivo nella jŠva tendono a perdere tutto il
valore cognitivo non appena cessano di manifestare consapevolmente il
volere divino che sta dietro di loro. Cessano di manifestare la mano che le
guida non appena la jŠva sceglie di diventare irragionevole.
Non è possibile per la facoltà cognitiva della jiva funzionare di sua
propria iniziativa non guidata. In altre parole, nell'uomo la volontà non è
padrona. La volontà nell'uomo è una volonta per scegliere di agire. Non è
libera di usurpare l'uguale libertà di scelta di qualsiasi altro individuo.
Quando sceglie di supporre di essere padrona e desidera comportarsi in
accordo, viene degradata a livello di scelta limitata che prevale in questo
mondo. Ma l'irragionevole maestria che sceglie così di avere è di fatto una
contraddizione. Non è veramente maestria ma il deliberato stordimento di sè
con il semplice desiderio di commettere suicidio. è malignità contro se
stessi e contro tutte le entità. Per la ragione presente nella jiva è il
massimo livello di follia e il più profondo abisso di possibile
degradazione.
Per l'individuo non è possibile evitare questa degradazione finché non
acconsente a sottomettersi in tutta sincerità alla guida della volontà
assoluta. La jiva non è la sorgente di se stessa. Non diventa la fonte
semplicemente desiderando esserlo, contro i dettami della sua stessa
ragione, e al solo scopo di danneggiare se stessa e gli altri.
Fortunatamente per noi Sri Krsna sa molto bene come trattare con questa
insensata perversità, senza cessare di essere Lui stesso perfettamente
ragionevole.
Invece di permettere all'anima perversa di operare in Vaikuntha, Sri Krsna
le permette di scegliere questo regno mondano come suo luogo di permanente
residenza e di sfera congeniale alle sue attività maligne. Ma poiché
l'anima non può mai essere padrona, l'illusione le fa credere che sia
pienamenta possibile per lei aspirare al dominio di questo mondo. Essa è
costantemente tentata di accettare l'offerta degli illimitati godimenti
delle cosiddette felicità mondane della coppa di Tantalo*. Queste felicità
sono esse stesse proverbiali, e sono distribuite ai miserabili esiliati dal
regno della vera felicità da un potere che non ha nessuna intezione di
servire tali indegni padroni. Così, invece della promessa di dominio del
mondo, l'uomo riceve solo la vuota punizione di promesse costantemente
rotte. Egli diventa infatti lo schiavo di maya, e non il suo padrone. Ma
egli sceglie sempre di supporre di essere il suo presente e futuro padrone.

Obiezione al Guru
Una Obiezione all'Individualità Fondamentale

Il principio dell'anima individuale è mutualmente causa prima e finale con
il Tutto Assoluto, completo in se stesso. C'è posto per entrambi nella
posizione finale. Qualsiasi dottrina che tenda al vuoto monismo è una
negazione del principio fondamentale di intelligenza.
L'impiego appropriato della facoltà di giudizio, considerata la prerogativa
che distingue l'uomo da tutte le altre entità di questo mondo, è quello di
cercare di essere al corrente della natura della distinzione per quanto
riguarda la funzione tra il Tutto e l'anima individuale, jiva, invece di
cercare perversamente di ignorare l'esistenza della distinzione. Non ci
sarebbe nessuna necessità di esercitare un proprio giudizio per un qualche
scopo razionale se il solo oggetto di tale opera fosse quello di cercare
il metodo effettivo di rimettere la soppressione finale di questa
insignificante facoltà all'ottenimento dello stato di completa
incorporazione nell'Uno.
L'obiezione al guru è in fondo un'obiezione alla natura fondamentale
dell'individualità. Se c'è distinzione tra l'anima individuale e il Tutto
Assoluto, allora anche nella posizione finale c'è necessariamente posto per
le rispettive funzioni di entrambi. La funzione del Tutto è, tuttavia,
completa in se stessa. Il Tutto è tanto padrone che servitore. La funzione
dell'assoluto, in qualità di servitore, è la funzione del guru. Come
servitore l'assoluto è la permanenza delle funzioni di tutte le anime
individuali. L'anima individuale è una potenza eterna, indivisibile e
infinitesimale dell'assoluto, in qualità di servitore e non di padrone.
Come parte della potenza del servitore assoluto, l'anima individuale è
servitrice anche del servitore divino.
La forma dell'assoluto in qualità di servitore è necessariamente distinta
dalla sua forma di padrone. Otteniamo così la personalità specifica del
guru identica a quella dell'assoluto in quanto servitore. La natura
assoluta dell'ulteriore distinzione tra la funzione di un individuo e
l'altro è stabilita dal fatto della loro associata coesistenza nella
funzione del servizio divino del guru.

 

 
     
 
 

 

Aggiungi questa pagina ai preferiti di Internet Explorer  

Visione consigliata a 1024x768 o superiore
Utilizzare Netscape 4.0 o Internet Explorer 5.0 e sup.
Copyright © 2003 LuX Powered by
ZeusComputer
Vai alla home page Conoscerci meglio Come contattarci Link utili