Logo AVGV  
Vai alla home page Conoscerci meglio Come contattarci Link utili
Intestazione AVGV
 
 

La campanella di Garuda


Torna indietro
CiviltÓ vedica, ritrovamenti antichi, la cultura vedica, campanella con Garuda, milioni di anni

La campanella di Garuda

Antichissima campanella ritrovata in America e risalente a 300 milioni di anni fa

Questa è la storia di un ritrovamento avvenuto negli Stati Uniti, di una campanella di metallo identica alle campanelle tutt'ora prodotte e utilizzate in India e nel mondo nei templi dove si trovano le Divinità di Radha-Krishna. In cima alla campanella è raffigurato Garuda, l'aquila che trasporta Sri Vishnu.

La notizia è stata segnalata in un articolo su internet dal quale si deduce che quando c'è stato il ritrovamento nessuno aveva cognizione di che tipo di oggetto fosse, e soprattutto come poteva essere arrivato sulla terra milioni di anni fa. Evidentemente già centinaia di milioni di anni fa c'era la civilizzazione Vedica sul pianeta, anche in America e in ogni altro continente, come viene chiaramente descritto negli sastra Vedici. La storia del nostro pianeta e dell'umanità è evidentemente più antica di quello che gli studiosi pensano. Il nostro universo è sempre stato abitato da civiltà evolute, e la Cultura Vedica era presente ovunque, come lo è presente anche oggi.

 "Nel 1944, un bambino di dieci anni, Newton Anderson, per sbaglio fece cadere a terra un pezzo di carbone che stava trasportando dalla sua cantina, e al suo interno trovò questa campanella. Il carbone bituminoso, che era stato estratto da una cava nei pressi della sua casa, nella Contea di Upshur in West Virginia (USA), si presume risalga a circa 300 milioni di anni fa. Che cosa ci faceva una campana di bronzo con un batacchio di metallo all'interno di un pezzo di carbone risalente al periodo Carbonifero  Secondo il libro delle munizioni di Norm Sharbaugh (che include diversi "aneddoti sul carbone"), questa campana è un artefatto antidiluviano, risalente ancor prima del diluvio universale e della Genesi.

L'Institute for Creation Research consegnò la campana al laboratorio presso l'Università di Oklahoma. Lì, un'analisi ad attivazione nucleare rivelò che la campana conteneva un insolito mix di metalli, differente da qualsiasi produzione di leghe moderne conosciute (comprendenti rame, zinco, stagno, arsenico, iodio, selenio). Forse, quando giunse il diluvio, questa campana fu sepolta con la massa di vegetazione che si è trasformata poi in carbone e, dopo milioni di anni, è finita nel contenitore del carbone di Newton Anderson. 

La campanella è poi stata presentata nel 1992 in un programma televisivo della CBS intitolato 'Gli antichi segreti della Bibbia', ed ora è diventata parte della collezione del Genesis Park. Da notare i dettagli che includono l'immagine di una figura demoniaca in cima alla campanella. Nella stessa zona sono stati ritrovati pochi altri oggetti all'interno di blocchi di carbone, come un'intricata catena d'oro (Sanderson, Ivan T., Uninvited Visitors, 1967, pp. 195-196.) e una pentola di ghisa ritrovata in un giacimento di carbone vicino alla centrale elettrica comunale di Thomas in Oklahoma, ora conservata nel Creation Evidence Museum."

 
 

Aggiungi questa pagina ai preferiti di Internet Explorer  

   
Visione consigliata a 1024x768 o superiore
Utilizzare Netscape 4.0 o Internet Explorer 5.0 e sup.
© 2003- InTheWeb Powered by
ZeusComputer